Palazzo Ragazzoni – Sacile

  • Odeia
PALAZZO RAGAZZONI DI SACILE sabato 9 aprile 2016 ore 21.00 Un racconto in prima persona, schietto e diretto come lei, narrato da Elisa Santarossa, che, insieme a quattro musicisti di rilevanza nazionale, Romano Todesco al contrabbasso, Didier Ortolan al sax e clarinetto, Arno Barzan al pianoforte e Ermes Ghirardini alla batteria, ripropone anche le sue canzoni più famose e struggenti, da “Blue moon” a “Don't explain”, da “Fine and mellow” a “The man I love”.
More
PALAZZO RAGAZZONI DI SACILE sabato 9 aprile 2016 ore 21.00 Un racconto in prima persona, schietto e diretto come lei, narrato da Elisa Santarossa, che, insieme a quattro musicisti di rilevanza nazionale, Romano Todesco al contrabbasso, Didier Ortolan al sax e clarinetto, Arno Barzan al pianoforte e Ermes Ghirardini alla batteria, ripropone anche le sue canzoni più famose e struggenti, da “Blue moon” a “Don't explain”, da “Fine and mellow” a “The man I love”.
More
PALAZZO RAGAZZONI, SACILE venerdì 25 settembre 2015 ore 21.00 Un esperimento musicale e letterario intitolato ironicamente Jazz Trek, un reading-concerto che mette in relazione la fantascienza e il jazz. La storia del jazz si fonde con quella del racconto di fantascienza dagli anni Venti agli anni Novanta del XX secolo. Conducono lo spettatore alla scoperta di mondi possibili due musicisti “astrali” (Juri Dal Dan e Romano Todesco) e un attore alieno al silenzio, pertanto incline alla parola (Luca Altavilla), accompagnati da visioni pulp provenienti dai magazines teletrasportati dalla carta alla trasparenza del video.
More
PALAZZO RAGAZZONI, SACILE venerdì 25 settembre 2015 ore 21.00 Un esperimento musicale e letterario intitolato ironicamente Jazz Trek, un reading-concerto che mette in relazione la fantascienza e il jazz. La storia del jazz si fonde con quella del racconto di fantascienza dagli anni Venti agli anni Novanta del XX secolo. Conducono lo spettatore alla scoperta di mondi possibili due musicisti “astrali” (Juri Dal Dan e Romano Todesco) e un attore alieno al silenzio, pertanto incline alla parola (Luca Altavilla), accompagnati da visioni pulp provenienti dai magazines teletrasportati dalla carta alla trasparenza del video.
More